Lipolaser: cos’è e come funziona [Guida completa]

Cura del Corpo

Lipolaser: cos’è e come funziona [Guida completa]

Chi presenta peso in eccesso, cellulite e adipe localizzato in specifiche aree corporee, spesso risulta alquanto demotivato nel ricorrere a diete o regimi alimentari controllati e particolarmente rigidi.

Tra le soluzioni definitive volte ad arginare tale problematica, compare senza alcun dubbio il lipolaser, una tecnica all’avanguardia sempre più diffusa volta a ridurre la presenza di grassi superficiali che, grazie al trattamento, vengono liberati nelle cellule ed espulsi successivamente mediante la diuresi.

Ottima alternativa alla liposuzione, il lipolaser estetico si rivela pertanto il trattamento estetico ideale per coloro che desiderano liberarsi dei grassi in eccesso, evitando di ricorrere al bisturi.

Il lipolaser è di fatto un trattamento totalmente indolore effettuato dal medico estetico o comunque da uno specialista, il quale dovrà valutare l’effettiva riduzione dell’adipe, riducendo al minimo il rischio di eventuali complicazioni.

Lipolaser cos’è

Il funzionamento del lipolaser è incentrato sulla biostimolazione dei canali metabolici fisiologici, mediante la combinazione di un raggio laser e raggi infrarossi.

Laser e infrarossi attraversano la pelle, raggiungendo le cellule adipose che, grazie a una reazione chimica spontanea, vedono i trigliceridi scissi in acidi grassi e glicerolo, entrambi veicolati attraverso il sistema linfatico ed espulsi attraverso normali funzioni fisiologiche promosse dall’apparato urinario.

Lipolaser
Lipolaser – Fonte: MeMagazine

Tale trattamento viene effettuato mediante specifici macchinari che impiegano pads o manipoli, applicati sulle aree del corpo da trattare.

In genere il cosiddetto lipolaser estetico emette un laser di intensità che si aggira intorno 50-100 mw: il lipolaser medico sfrutta invece un’intensità più elevata, pari a circa 130 mw. Tuttavia esistono macchinari che possono garantire una potenza di lavoro ancora più elevata, attestata intorno ai 630mw. 

L’effetto e la reale efficacia del lipolaser appaiono visibili già dalle prime sedute: tale risultato è attribuito al processo messo in atto dalle cellule adipose stesse, stimolate dall’energia laser emessa dal macchinario e dal relativo segnale chimico che ne comporta la conseguente scissione in acidi grassi liberi e glicerolo.

Lipolaser trattamento adiposità – Fonte: ClioMakeup

Lipolaser funziona? Ecco i risultati

Con il lipolaser è possibile trattare differenti aree del corpo, in particolare quelle in cui tendono ad accumularsi le cellule adipose quali vita, cosce, addome, fianchi, schiena, glutei, mento e braccia. 

I primi risultati definitivi in genere tendono a palesarsi già al termine della prima sessione di sedute previste durante la fase di consulenza col medico estetico, mentre l’effetto modellante risulta di norma apprezzabile e alquanto significativo già dalla prima seduta.

A seconda della quantità di grassi che è necessario sciogliere, dai risultati desiderati così come dalla tipologia di adipe presente, in linea generale sono consigliate un minimo di 8 sedute, di cui almeno 2 alla settimana, per poi proseguire col mantenimento.

A seguito della prima seduta, la circonferenza dell’addome può addirittura calare di 2-4 cm, sebbene maggiori difficoltà tendano a riscontrarsi in fase di mantenimento, questo poiché è fondamentale attenersi a un regime alimentare equilibrato e praticare regolarmente attività fisica.

Il lipolaser si rivela un valido aiuto nel contrastare la cellulite così come la ritenzione idrica poiché la combinazione di laser e infrarossi favorisce la microcircolazione così come il corretto smaltimento dei grassi.

l lipolaser è un trattamento quasi totalmente indolore: può di fatto apparire solo leggermente fastidioso ma comunque facilmente tollerabile.

Tale manifestazione tende tuttavia a svanire completamente, seduta dopo seduta. Al termine della stessa la pelle non presenta alcun rossore: si percepisce al contrario una piacevole sensazione di benessere diffuso.

A seguito di ogni trattamento e nei tre giorni successivi alla seduta, è sempre consigliato assumere acqua in abbondanza, effettuando almeno 30 minuti di passeggiata quotidianamente, questo per favorire e promuovere il metabolismo, accelerando lo smaltimento dei lipidi ormai scissi in glicerolo.

Benefici lipolaser
Benefici lipolaser – Fonte: My-club.it

Quando effettuare il lipolaser

Il lipolaser, medico o estetico è indicato nel trattamento di specifiche condizioni e problematiche. Offre i migliori risultati qualora sussistano le seguenti manifestazioni a carico delle varie aree corporee, particolarmente suscettibili all’accumulo di grassi.

  • Presenza di adipe localizzato su fianchi o addome
  • Cosce grosse colpite da atonia e atrofia cutanea
  • Glutei accompagnati da cuscinetti adiposi
  • Ginocchia elefantiache
  • Caviglie grosse
  • Doppio mento
  • Cellulite e ritenzione idrica
  • Braccia con accumuli adiposi
  • Schiena con accumuli adiposi
  • Maniglie dell’amore
  • Grasso localizzato che tende a non fornire risposta positiva a seguito di diete ipocaloriche o esercizio fisico

Benefici del lipolaser

Il lipolaser non solo aiuta a ridurre repentinamente il grasso in eccesso: si rivela infatti particolarmente efficace anche nel trattamento della cellulite poiché coadiuva la corretta stimolazione della microcircolazione, sanguigna e linfatica.

Aiuta altresì a rassodare la pelle, specie se atonica e cadente, offrendo al contempo il vantaggio di tonificare i tessuti migliorando l’autostima e invogliando il soggetto a proseguire il proprio percorso di benessere. 

Controindicazioni lipolaser
Controindicazioni lipolaser – Fonte: ShindenBenessere.com

Quando il lipolaser non deve essere effettuato

Il lipolaser è assolutamente sconsigliato a chi è colpito da particolari patologie e condizioni di salute, alle donne in gravidanza, a chi soffre di diabete e di disturbi a carico dei reni.

Il trattamento non può inoltre essere effettuato dai portatori di pace maker o colpiti da patologie cardiovascolari. La seduta non può essere effettuata qualora sull’area da trattare siano presenti eventuali cicatrici o in presenza di cute lesa

Lipolaser controindicazioni

l lipolaser non rappresenta un trattamento invasivo: può comunque dare origine a un leggero bruciore temporaneo mentre viene effettuata la seduta.

Non presenta di fatto alcun rischio particolare o controindicazione: può essere infatti effettuato su qualunque area del corpo ove siano presenti grassi localizzati, senza comportare effetti collaterali, a prescindere dal tipo di pelle. Unica eccezione la presenza di ferite e cicatrici: in questo caso il lipolaser non può e non deve essere effettuato.  

Lipolaser opinioni e considerazioni finali

Il lipolaser rappresenta un’alternativa alla liposuzione, efficace e all’avanguardia. La liposuzione viene effettuata anch’essa per rimuovere il grasso in eccesso: tuttavia rappresenta un vero e proprio intervento chirurgico estremamente invasivo che implica la necessità di ricovero ospedaliero e di un successivo periodo di convalescenza e riposo.

Si tratta dunque di un rimedio estremo per ritrovare la forma fisica desiderata, sebbene in molti ritengano di ricorrervi in assenza di ulteriori alternative.

Il lipolaser funziona in modo diametralmente differente: non rappresenta un intervento invasivo ed è prettamente focalizzato sul rassodamento cutaneo e sulla sostanziale riduzione della cellulite

Il laser agisce pertanto riscaldando e liquefacendo il grasso in eccesso per poi sollecitarne l’organismo alla successiva espulsione: tale processo aiuta pertanto a tonificare la pelle, migliorandone l’elasticità.

È comunque opportuno ricordare che non si tratta di una soluzione obbligatoriamente rapida: l’efficacia del trattamento varia in funzione della quantità di grasso da ridurre e delle aree da trattare.  Sarà pertanto il medico estetico a valutare il soggetto, indicando il numero di sedute utili al raggiungimento del proprio obiettivo.

SEO Copywriter e Social Media Strategist, ritengo che l’uso corretto delle parole possa fare la differenza, rappresentando un vantaggio competitivo. Essere persuasivi non significa “convincere” ma saper intercettare le necessità, assecondando bisogni e risolvendo problemi…e questo è il mio mantra!

Ultimi articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *